FALC Ferant Alpes Laetitiam Cordibus

Società alpinistica ONLUS dal 1920

Sottosezione CAI

caricamento..Caricamento..

Regolamento generale gite

Aggiornato il 15/02/12

Le iscrizioni si chiudono il giovedì prima della gita per quelle di un giorno, il giovedì della settimana precedente la gita per quelle di due o più giorni.

Le iscrizioni devono essere accompagnate dalla quota di partecipazione oltre a 10 euro di caparra per il rifugio.

La quota comprende il costo della guida (ove prevista) ed un contributo per l'organizzazione.

La quota non comprende alcuna assicurazione; è però necessaria l'iscrizione al CAI, la cui quota comprende un'assicurazione contro gli infortuni a partire dall'inizio dell'anno solare di iscrizione.

La quota non comprende vitto, alloggio e trasporti dei partecipanti, mentre vitto, alloggio e mezzi di trasporto della guida sono da suddividersi tra i partecipanti.

Per garantire la sicurezza di tutti,le iscrizioni alle gite saranno limitate ad un numero prefissato ed insindacabile deciso dagli organizzatori o responsabili tecnici in rapporto agli istruttori ed accompagnatori disponibili. Vi è anche un numero minimo di partecipanti al di sotto del quale la gita non verrà effettuata. Tale numero è: 23 partecipanti per le gite sci alpinistiche di un giorno, 15 partecipanti per le gite sci alpinistiche di due o più giorni, 6 partecipanti per i 5 giorni d'estate. Non vi è un numero minimo per le gite escursionistiche.

La partecipazione alle gite è libera ma subordinata ad aver acquisito, per le gite sci alpinistiche, un’esperienza certificata a livello corso SA1 (ed SA2 per le gite su ghiacciaio). La partecipazione ai 5 giorni ed alle gite di escursionismo avanzato è subordinata alla conoscenza dell'uso dei ramponi e della tecnica elementare su roccia (1°-2° grado). Nelle gite di escursionismo, alpinismo e sci alpinismo sono previste cordate autonome.

La direzione della gita ha la facoltà di escludere dalla(e) gita(e) successiva(e) i partecipanti che si dimostrassero non idonei o che tenessero un comportamento non consono alla montagna, mettendo a repentaglio la propria ed altrui incolumità.

La FALC inoltre informa che il direttore di gita deve intendersi come semplice organizzatore logistico che fornisce una prestazione organizzativa di mera cortesia. La FALC e gli organizzatori declinano qualsiasi responsabilità per danni a cose o a persone, che dovessero verificarsi nello svolgimento delle gite. Valutate le difficoltà della gita e le proprie capacità, ogni socio partecipante esonera la FALC e l'organizzatore(i) da ogni responsabilità per eventuali infortuni che si verificassero durante la gita, che si intende iniziata e conclusa quando si lascia e si riprende l'auto. L'onere per eventuali interventi del soccorso alpino è a carico del singolo.

 
▲ Torna a inizio pagina